di Alex Zanotelli

nigrizia.it – 21 marzo 2016  

      
Sono di estrema gravità le decisioni prese in questi giorni sulla gestione pubblica dell’acqua, sia dal governo Renzi che dal parlamento. Perché viene rifiutato quello che il popolo aveva deciso con il referendum del 2011.

È stato ora diffuso il Testo unico sui servizi pubblici locali (decreto attuativo della Legge Madia n. 124/2015) che si prefigge di «ridurre la gestione pubblica dei servizi ai soli casi di stretta necessità e di garantire la razionalizzazione delle modalità di gestione dei servizi pubblici locali in un’ottica di rafforzamento del ruolo dei soggetti privati». Nel Testo unico c’è l’obbligo di gestione dei servizi pubblici locali attraverso società per azioni, nonché l’obbligo, ove la società per azioni sia a totale capitale pubblico, di rendere conto delle ragioni del mancato ricorso al mercato ed infine di presentare un piano economico-finanziario sottoscritto da un istituto di credito.

È un segnale chiaro del totale disprezzo della volontà popolare espressa col referendum.

A questo si aggiunge il “blitz” di pochi giorni fa, fatto da Renzi-Madia in Commissione ambiente della camera, dov’era in discussione la Legge d’iniziativa popolare per la ripubblicizzazione dell’acqua, che aveva ricevuto nel 2007 oltre quattrocentomila firme, che è stata ripresentata in questa legislatura da un intergruppo parlamentare (M5S , Sel e alcuni Pd). Il “blitz” Renzi- Madia è avvenuto il 15 marzo, quando in Commissione è stato approvato un emendamento che abroga l’articolo 6 del progetto di legge che definiva il servizio idrico integrato quale servizio pubblico locale privo di rilevanza economica e ne disponeva l’affidamento esclusivo a enti di diritto pubblico, vietando l’acquisizione di quote azionarie. Tutto questo è stato cancellato per volontà del governo Renzi e del Pd.

Un atto parlamentare che costituisce il tradimento totale della volontà popolare. I deputati M5S e Sinistra italiana hanno abbandonato i lavori della Commissione, lasciando che fosse approvata dalla sola maggioranza con l’accordo del governo. Il Pd si difende dicendo che l’acqua resta pubblica, ma che può essere gestita dai privati! Infatti il nodo centrale è proprio la gestione, perché questo Testo unico e le nuove norme sui servizi locali rendono eccezionale una gestione pubblica e reintroducono «l’adeguatezza della remunerazione del capitale investito», cancellata dal referendum del 2011. E pensare che Renzi nel 2011, allora sindaco di Firenze, aveva proclamato il suo “sì” per l’acqua pubblica!
Quello che sta avvenendo sotto i nostri occhi è di una gravità estrema. Per questo mi appello ai 26 milioni di italiani/e perché si informino e si mobilitino (sit-in, sensibilizzazione nelle proprie realtà locali) contro la vittoria del neoliberismo, del mercato, dei profitti e si ribellino scendendo in piazza.

Appello
Mi appello ai vescovi italiani perché si esprimano sulla questione acqua, che già il papa nell’enciclica 
Laudato Sì ha definito «diritto umano essenziale, fondamentale e universale» e «diritto alla vita».

Mi appello ai preti, perché sensibilizzino i  loro fedeli nelle omelie domenicali.
Mi appello alle comunità cristiane, dopo una così forte dichiarazione del papa sull’acqua, perché ritornino a impegnarsi e a ricongiungersi con il grande Forum Italiano dei movimenti dell’acqua pubblica, che ha portato nel 2011 alla vittoria referendaria. Dobbiamo ora ottenerne un’altra!
Si tratta di vita o di morte per noi e per gli impoveriti. Infatti sia per noi, ma soprattutto per gli impoveriti, è l’acqua (la Madre di tutta la vita) il bene più prezioso, che sarà sempre più scarso per il surriscaldamento del Pianeta. Se permetteremo alle multinazionali di mettere le mani sull’acqua, avremo milioni di morti di sete. La gestione dell’acqua deve essere pubblica, fuori dal mercato e senza profitto, come sta avvenendo a Napoli, unica grande città italiana ad aver obbedito al Referendum.

Diamoci tutti/e da fare perché il nostro governo obbedisca a quanto ha deciso il popolo italiano nel 2011.